Nato nel 1927, Hubert James Taffin de Givenchy fonda l'omonima Maison nel 1953. Lo stesso anno presenta una collezione che lascerà un segno indelebile nella storia della moda: i "Separates" – bluse eleganti e gonne leggere che uniscono linee architettoniche e semplicità – riscuotono un successo enorme rispetto ai look costrittivi dell'epoca. Nasce "l'enfant terrible della Haute Couture". Linee essenziali, fianchi esili, silhouette snelle e colli di cigno seducono le attrici di tutto il mondo. Nel 1955 Hubert de Givenchy presenta il suo primo abito camicia, la cui evoluzione verso forme a lanterna diventerà iconica.

Audrey Hepburn, divenuta la musa dello stilista, lo accompagna nell'invenzione di uno stile che ridefinirà i canoni di bellezza. La linea "Givenchy Gentleman", lanciata nel 1969, diventa un punto di riferimento nel mondo della moda maschile. Dopo una carriera durata oltre 40 anni, e dopo essere entrato a far parte del gruppo LVMH nel 1988, Hubert de Givenchy si ritira nel 1995. Gli succedono alcuni dei più grandi talenti creativi del mondo della moda, tra cui John Galliano, Alexander McQueen, Julien MacDonald e Riccardo Tisci. Il 10 marzo 2018, Monsieur Givenchy si spegne nella sua residenza di Parigi, all'età di 91 anni. Clare Waight Keller diventa direttrice artistica per la Haute Couture e il Prêt-à-porter uomo e donna nella primavera del 2017 e il 1° ottobre dello stesso anno, con la sua sfilata d'esordio, sancisce una visione innovativa e lungimirante dello stile della Maison Givenchy, basato sulla ricerca della luce nel buio.

Il 19 maggio 2018, nel giorno delle nozze con il principe Harry, Meghan Markle, ora duchessa del Sussex, indossa un elegante abito con scollo a barchetta della linea Haute Couture di Givenchy in doppio cady di seta bianco e un velo ricamato a mano, entrambi realizzati su misura dalla direttrice artistica della Maison Clare Waight Keller.